Salta al contenuto

Lotta alla tratta di esseri umani e al trafico di migranti: a che punto è l’attuazione della normativa europea? Uno studio commissionato da Caterina Chinnici all’Università di Palermo analizza la situazione in dieci paesi membri dell’UE

Sia sulla tratta di esseri umani che sul traffico di migranti l’Unione Europea, con atti legislativi e documenti politici ispirati ai protocolli Onu, ha fissato negli anni scorsi alcuni standard comuni di incrimanzione. Quale livello di attuazione ha raggiunto la normativa europea nei singoli paesi membri?

A questa domanda vuole rispondere uno studio comparatistico commissionato dall’eurodeputata di S&D Caterina Chinnici al Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Palermo. La ricerca pone a confronto le normative interne di dieci stati: Italia, Austria, Belgio, Francia, Germania, Irlanda, Malta, Paesi Bassi, Portogallo e Spagna.

“Il report – sottolinea Caterina Chinnici nella prefazione – offre una solida base conoscitiva per la riflessione a livello europeo. L’azione dell’Unione Europea, infatti, andrebbe rafforzata e aggiornata tenendo conto del contesto di criminalità organizzata in cui i due fenomeni si inseriscono, della necesstà di chiarire i confini dell’intervento penale rispetto alla cosidddetta assistenza umanitaria e, soprattutto nel contesto della tratta di esseri umani, ponendo la massima attenzione alla tutela delle vittime e all’ancora più inquietante fenomeno della tratta di minori stranieri”.

IL TESTO INTEGRALE DEL LO STUDIO:

Condividi sui social

Published inNews

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *